Storia e mission

La nostra storia, i nostri valori, i nostro obiettivi, il nostro ecosistema

SMI Technologies & Consulting

Smart Managed Innovation, servizi ICT

Younified

La nuova azienda specializzata in servizi di assistenza per l’automotive

WYL

Un rivoluzionario sistema di Intelligenza Artificiale al servizio delle tue passioni

SM Innovation Polska

La rivoluzione della service integration. Un riferimento chiave per le imprese del territorio

Younified Platform

Fatture, Time Sheet, Contabilità, Logistica, IOT: servizi per monitorare la tua attività

Whistleblowing

La soluzione di SMI per la gestione delle segnalazioni whistleblowing
1 Agosto 2019

#throwbackthursday_agosto 2019

“L’invenzione del microprocessore fu un momento fondamentale nella storia dell’elettronica: per la prima volta era possibile costruire un computer con pochissimi soldi” Era il 1971, quando il mondo come lo conoscevamo è definitivamente cambiato: la Intel annuncia il primo microprocessore al mondo, il 4004. Inizia così la rivoluzione digitale: computer, server, telefonini, automobili, fotocamere, frigoriferi, […]

“L’invenzione del microprocessore fu un momento fondamentale nella storia dell’elettronica: per la prima volta era possibile costruire un computer con pochissimi soldi”

Era il 1971, quando il mondo come lo conoscevamo è definitivamente cambiato: la Intel annuncia il primo microprocessore al mondo, il 4004.

Inizia così la rivoluzione digitale: computer, server, telefonini, automobili, fotocamere, frigoriferi, radio, tv e moltissimi altri oggetti elettronici di uso quotidiano integrano un piccolo chip che rappresenta il cervello del dispositivo. E il merito di questa rivoluzione pacifica è di un italiano: Federico Faggin.
Fisico, ingegnere, inventore e imprenditore, Faggin raggiunse gli Stati Uniti per lavorare alla Fairchild, nell’ambito di un programma di scambio di ingegneri della durata di sei mesi. Nel febbraio del ’68, Faggin e sua moglie sbarcarono, in piena fioritura, nella valle di Santa Clara: la Silicon Valley era, allora, un’immensa distesa di orti e frutteti.
Da lì, l’avventura che ha portato al primo microprocessore al mondo. Poi arrivarono i suoi successori, l’8008, il 4040 e l’8080, architetture tecnologiche ognuna capace di creare il mondo che conosciamo oggi.
E tutte con le stesse iniziali incise su un angolo: una piccola doppia F, le iniziali del Leonardo della contemporaneità.

#throwbachthursday

#throwbackthursday_agosto 2019 ultima modifica: 2019-08-01T19:46:18+02:00 da Cinzia Mingiardi

Altri articoli che potrebbero interessarti:

9 Marzo 2021

#smitalks_Veronica Bartolucci

Avete presente l'agente Q, quello che nella saga di James Bond si occupa dei gadget tecnologici in dotazione ai servizi segreti? Mentre Veronica Bartolucci del Dipartimento di Ingegneria dell'Informazione dell' UNIVPM parlava di robotica marina applicata ai beni culturali sommersi, al nostro Service Desk Supervisor Davide Scaccia sono tornati alla mente i giocattoli ultra avanzati […]
14 Dicembre 2020

#smitalks_Giovanni Lai

Responsabile Commerciale della “Biondi Santi” e docente FIS, Giovanni Lai ci offre uno sguardo interessante sui cambiamenti e sull’impatto che le nuove tecnologie stanno avendo nella gestione delle aziende vinicole. L’imprenditore agricolo odierno lavora sicuramente in modo molto diverso rispetto a qualche anno fa. Se prima era l’istinto a guidare la scelta, adesso è il […]
25 Agosto 2020

#throwback_Adelmo Togliani

L’incontro tra Adelmo Togliani e SMI nasce un anno fa, per la realizzazione del nuovo cortometraggio Neo Kosmo. Adelmo ci racconta della sua visione del presente e del futuro in qualità di sceneggiatore e quindi di scrittore di un futuro immaginato nella sua pellicola in uscita nel prossimo Autunno del 2020. Integrare nella sceneggiatura la […]